Scotoni logo
Rifugio Scotoni Ristorante Alta Badia, Dolomiti logo
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia
  • Immagine: Il nostro ristornate in Alta Badia

Il nostro ristorante in Alta Badia

Specialità alla brace e tipici piatti tirolesi

Basata su ingredienti semplici e genuini, la cucina del Rifugio Scotoni in Alta Badia vanta piatti eccezionali, che fanno tornare gli ospiti di anno in anno apposta per rievocare sapori schietti e decisi, ispirati dalle tradizioni tirolesi. Il menu fa gola soprattutto per le specialità alla brace, comprese costine, salsicce, verdure. Ottime le bistecche alla fiorentina, provenienti dall’antica macelleria di Dario Cecchini, a Panzano in Chianti. E, per chi vuole vivere quest’esperienza gastronomica fino in fondo, c’è la famosa grigliata mista Scotoni. Dietro la griglia – il proprietario Christian in prima persona.

Tra le altre intriganti proposte, ci sono gustosi primi come zuppa di gulasch, pasta fatta in casa, polenta con formaggio fuso, nonché ottimi dolci: strudel, torte, crostate e perfino marmellate di produzione propria. Amatissimo anche il Kaiserschmarrn, dal gusto distintivo ma tenero.

Un’attenzione particolare viene rivolta alla scelta delle materie prime, mirata a prediligere i prodotti di altissima qualità e, ove possibile, di provenienza regionale, come, ad esempio, le patate che vengono coltivate nella vicina Val Pusteria. Lo stesso dicasi per i formaggi ed i salumi – naturalmente altoatesini, mentre lo speck, saporitissimo, viene, appunto, fatto in casa. Anche nella carta dei vini, che conta più di 400 etichette, i primi posti appartengono, ben meritatamente, alle cantine dell’Alto Adige.